246157246_2369696763164530_2489090463531978948_n.jpg

XVI edizione Linea D’Ombra Festival: sempre più protagonisti Banca Campania Centro e Fondazione Cassa Rurale Battipaglia

Si è tenuta, presso la Sala del Gonfalone del Comune di Salerno, la conferenza stampa di presentazione della XXVI edizione del festival Linea d'Ombra. Un importante festival cinematografico organizzato dall’associazione SalernoInFestival che si svolgerà dal 23 al 30 ottobre. 

Durante lo svolgimento del festival verrà trasmesso anche il corto "Questo è l'anello", nato dal progetto 'Una banca di racconti" della Fondazione Cassa Rurale Battipaglia e che ha visto partecipare i giovani soci del club Kairós di Banca Campania Centro. I ragazzi hanno partecipato ad una serie di incontri con esperti del settore e contribuito in maniera attiva alla realizzazione del corto, sceneggiato dal noto scrittore Diego De Silva e diretto da Luigi Marmo. Un momento formativo importante per i ragazzi, che hanno potuto lavorare “dietro le quinte” anche durante i tre giorni di ripresa organizzati in alcune splendide location del comune di Salerno. 

Un’importanza ribadita dal presidente di Banca Campania Centro, Camillo Catarozzo: “Siamo entusiasti di sostenere la manifestazione – ha detto – La banca è sempre attenta a valorizzare le eccellenze del nostro territorio attraverso un discorso virtuoso di rete tra i professionisti che operano sul territorio stesso”. La cooperativa di credito è infatti main sponsor del festival, a conferma della propria vocazione territoriale.

Un concetto ripreso anche dal vicepresidente della Cassa Rurale, Matteo D'Angelo, che ha invece ricordato la necessità di dare attenzione a queste realtà per confermarsi volano del territorio. 

Il presidente della Fondazione Cassa Rurale Battipaglia, Federico Del Grosso, ha invece ricordato le tappe dell'intero progetto che ha coinvolto i giovani soci: “In progetto - ha ricordato Del Grosso - ha visto i ragazzi partecipare attivamente ad una serie di corsi e seminari che ha permesso loro di formarsi in un mondo tanto impegnativo quanto affascinante come quello del cinema. Il nostro scopo è proprio questo: avvicinare i giovani alle nostre realtà territoriali e creare una sinergia virtuosa che possa poi formare gli uomini e le donne del domani”.

L'edizione del festival è stata invece presentata dal direttore artistico della manifestazione Giuseppe d'Antonio, che ha spiegato le motivazioni che hanno spinto gli organizzatori a scegliere il "domani" come focus dell'intero festival. Un domani incerto e non facile ma ricco di sfide da affrontare con lungimiranza, talento e un pizzico di follia. Lo scrittore e giornalista Boris Sollazzo ha ripreso il concetto di D'Antonio e illustrato lo spessore dei tanti ospiti presenti. Ospiti come De Silva, sceneggiatore del corto “Questo è l'anello”, ma anche Niccolò Ammaniti e Valeria Golino fra gli altri. Il giornalista ha poi voluto ricordare che l’intera manifestazione è stata dedicata a Patrick Zaki, il ragazzo egiziano la cui detenzione in un carcere egiziano dura ormai dal 7 febbraio 2020.

La conferenza stampa è stata dunque un momento duplice di presentazione del festival ma anche di riflessione su cosa riserva il "domani". Un domani che, partendo dal lavoro dell'oggi, deve regalare sorprese e soddisfazioni.